L'Indice di Qualità Biologica del suolo: microartropodi (QBS-ar)
 
Proposto dal Professor Vittorio Parisi, dell'Università di Parma si basa sull'analisi di tutti i gruppi di microartropodi presenti nel suolo (insetti, aracnidi, miriapodi, crostacei).
L'indice si basa sul concetto di forma biologica. Con questo termine si indica il grado di adattamento anatomico di un organismo alla vita nel suolo. Se l'ecosistema suolo non è disturbato da attività antropiche tenderanno ad essere presenti molti gruppi particolarmente adattati alla vita in questo ambiente (di piccole dimensioni, depigmentati, privi di occhi e ali). Se il suolo subisce degli impatti i gruppi più adattati al suolo tenderanno a scomparire e resteranno solo quelli meno adattati.

Il metodo prevede un campionamento dei primi 10 cm degli orizzonti minerali e un'estrazione dei microartropodi mediante un estrattore di Berlese-Tulgren (è un apparecchio molto semplice costruibile anche artigianalmente, vedi figura).

 

Estrattore di Berlese-Tullgren modificato      
(da Matthey et al, 1992 - clic per ingrandire)
 
Gli organismi estratti vengono identificati al microscopio stereoscopico a livello di phylum, classe o, al massimo, ordine. Un riconoscimento di questo tipo è in genere abbastanza semplice e può essere fatto anche da non specialisti dopo un minimo di preparazione. Il conteggio degli organismi è facoltativo.
A tutti i gruppi sistematici presenti è stato assegnato un punteggio (EMI Indice Ecomorfologico) che va da 1, per gli organismi per nulla adattati alla vita nel suolo, a 20, per quelli completamente adattati. Alcuni gruppi comprendono specie a diverso grado di adattamento. In particolare collemboli e coleotteri comprendono tutte le varietà di forme biologiche, da quelle ad EMI 1 a quelle ad EMI 20. In questi casi apposite tabelle permettono di valutare l'EMI delle forme presenti. Una volta identificati tutti gli EMI la loro somma darà il valore di QBS-ar. Valori alti di questo indice segnalano una buona qualità ecologica del suolo.
 
Per saperne di più
   
Parisi V., 2001. La qualità biologica del suolo: un metodo basato sui microartropodi. Acta naturalia de "L'Ateneo Parmense", 37, nn 3/4: 97-106.
   
ARPA Piemonte, 2002. Tecniche di biomonitoraggio della qualità del suolo.
Torino: ARPA Piemonte