Il 250.000 pedologico della Regione Piemonte


 

L'IPLA ha concluso i lavori per la Carta dei Suoli del Piemonte in scala 1:250.000: terminata la stampa, la Carta è disponibile al pubblico e in distribuzione.
Presso la sede AIP è già stato inviato un primo quantitativo di copie, chi non riuscisse a procurarsela può rivolgersi direttamente a IPLA presso il responsabile referente (boni@ipla.org).

Come noto questo lavoro, che è durato per circa un quinquennio, ma che sintetizza in un unico documento cartografico i dati rilevati dalla fine degli anni '60, si inserisce all'interno di un progetto nazionale (la Carta dei suoli d'Italia a scala 1:250.000) finanziato dal Ministero per l'Agricoltura e le Foreste.

Le note illustrative sono state strutturate per inquadrare i suoli regionali sotto tutti i loro aspetti, di evoluzione, di rapporto con le attività umane e con gli altri fattori della pedogenesi. Si è scelto però di non inserire all'interno della pubblicazione la descrizione di tutte le Unità Cartografiche individuate (oltre 400) e di tutte le Unità Tipologiche in esse contenute (circa 250) per evitare di produrre un'opera sovradimensionata che non sarebbe riuscita a fornire un'immagine d'insieme come quella che una cartografia a scala regionale deve perseguire.

Peraltro, le descrizioni delle Unità Cartografiche di Suolo (UCS) e delle Unità Tipologiche di Suolo (UTS), sono reperibili sul sito internet della Regione Piemonte e sul CD allegato alla carta.