Convegno

AMBIENTE, PAESAGGIO E INFRASTRUTTURE

01-02 ottobre 2009 - Roma


 

L'1 e 2 ottobre 2009, il CATAP in collaborazione con ISPRA, ha organizzato un convegno dal titolo "Ambiente, paesaggio e infrastrutture".

Alcune premesse: il Coordinamento delle Associazioni Tecnico-scientifiche per l'Ambiente ed il Paesaggio (CATAP), è composto dalle numerose associazioni: AAA (Associazione Analisti Ambientali), AIAPP (Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio), AIN (Associazione Italiana Naturalisti), AIP (Associazione Italiana Pedologi), AIPIN (Associazione Italiana per l'Ingegneria Naturalistica), SIEP-IALE (Società Italiana di Ecologia del Paesaggio), SIGEA (Società Italiana di Geologia Ambientale).

Il CATAP ha due obiettivi principali:

  • rilanciare, moltiplicandone l'efficacia con azione sinergica, attività di singole associazioni su temi specifici di loro pertinenza;
  • portare avanti istanze di interesse generale, o di insiemi di associazioni appartenenti al Coordinamento.

In questa sua prima manifestazione pubblica il CATAP ha scelto il tema delle infrastrutture realizzate sul territorio. Si tratta di uno dei settori con maggiore interferenza potenziale sul paesaggio, inteso nella sua accezione più vasta che comprende gli aspetti culturali, naturalistici e ambientali in senso lato, secondo quanto espresso dalla Convenzione Europea del Paesaggio.

La sede prestigiosa e "istituzionale" (l'auditorium di ISPRA), il tema trattato ed il valore riconosciuto di molti relatori hanno assicurato un successo all'iniziativa che è stato oltre le aspettative più ottimistiche: oltre 270 persone hanno partecipato al primo giorno dei lavori e quasi duecento alla seconda giornata.

Nello specifico ISPRA, in collaborazione con le associazioni aderenti al CATAP, ha inteso fornire un contributo all'affinamento delle metodologie di inserimento delle infrastrutture nel paesaggio sfruttando le potenzialità fornite dalla progettazione e realizzazione di nuove opere derivanti da un nuovo approccio in cui le istanze paesistico-ambientali orientano dall'inizio i progetti delle infrastrutture. In questa sede ISPRA e CATAP hanno presentato il progetto di redazione di una serie di "direttive tecniche" sul tema dell'inserimento nel paesaggio delle infrastrutture basate sugli approcci multidisciplinari che caratterizzano le Associazioni CATAP.

Tra gli interventi, è stata presentata una relazione AIP che tratta del suolo nei ripristini ambientali. La relazione ha cercato di esplicitare il ruolo del pedologo ed il suo contributo in sede di analisi ed in quella della progettazione. I suoli definiscono, infatti, molti temi importanti per la definizione del paesaggio anzi talvolta (forse spesso) senza capire i suoli è difficile capire il paesaggio. Ma al contempo il pedologo in sede di progettazione è in grado di assicurare successo al progetto.

L'uditorio ha mostrato di comprendere e condividere, quanto riportato, come conferma il nostro inserimento nel gruppo di lavoro sulle direttive tecniche che, è bene sottolinearlo, vede la partecipazione di ISPRA e del Ministero dell'Ambiente.

Il CATAP, fornisce così alla nostra Associazione un luogo che attraverso il confronto, valorizza le nostre competenze, ed è bene sottolineare che ci fornisce palcoscenici nei quali difficilmente riusciremmo ad andare da soli come singola Associazione.

Per la divulgazione degli atti del convegno, attendiamo le necessarie liberatorie di ISPRA. Per questo e per i successivi sviluppi dell'attività del CATAP terremo informati i soci, tramite il nostro sito.

Consigliere
Massimo Paolanti

 

(Vedi e senti l'intervento di Massimo Paolanti al convegno.
Occorreranno un paio di minuti, affinchè il video si carichi completamente.)